Mediaeval Sophia. Studi e ricerche sui saperi medievali

 

«Mediaeval Sophia. Studi e ricerche sui saperi medievali» è la e-review dell’Officina di Studi Medievali di Palermo. Nata nel 2007 come rivista semestrale per iniziativa di Alessandro Musco, dal 2015 (numero 17) ha cadenza annuale.

La proprietà intellettuale di «Mediaeval Sophia» appartiene all’Officina di Studi Medievali, che ha voluto avviare, accanto alla sua rivista cartacea tradizionale, «Schede Medievali», un progetto centrato sull’utilizzo delle nuove tecnologie editoriali, un nuovo strumento più al passo con i tempi, più agile nella gestione e di più agevole circolazione internazionale.

L’impostazione di «Mediaeval Sophia» è coerente con il più che trentennale impegno scientifico, culturale, formativo ed editoriale dell’Officina di Studi Medievali: deciso taglio pluridisciplinare ed interdisciplinare, marcato interesse alle connessioni tra le varie tradizioni culturali dei saperi medievali, speciale attenzione rivolta alle aree mediterranee del Medioevo, quest’ultimo considerato in una estensione temporale che, a seconda dell’ambito disciplinare, va dall’età paleocristiana e tardo-antica fino a tutto il XV secolo.

Queste le strategie di fondo che sono, per altro, leggibili scorrendo le Sezioni in cui si articolano ordinariamente i singoli fascicoli di «Mediaeval Sophia»: Studia, Postilla, Notitiae, Lecturae. Nella sezione Studia vengono pubblicati i saggi che toccano, in modo pluridisciplinare ed interdisciplinare, aspetti del sapere tardo-antico e medievale, corredati da abstract e parole chiave in italiano e in inglese, nonché da una breve nota biografica dell’autore. Nella sezione Postilla si dà spazio a saggi e contributi che offrono riflessioni a margine di eventi, pubblicazioni, iniziative nell’ambito degli studi medievistici. Le Notitiae danno informazioni e resoconti di eventi culturali, convegni, iniziative di interesse medievistico. Particolare spazio si dà, in ogni fascicolo, alla sezione Lecturae, che propone numerose recensioni e schede bibliografiche delle più recenti pubblicazioni.

Ogni fascicolo di «Mediaeval Sophia», frutto della cura scientifica ed editoriale, fino all’inserimento sul web, della redazione dell’Officina di Studi Medievali, pubblica on line mediamente circa 300 pagine tradizionali consultabili e scaricabili liberamente e gratuitamente. La rivista si avvale di un Comitato scientifico internazionale, rappresentato da studiosi appartenenti alle macroaree ed ai settori disciplinari presenti nella rivista. La rivista applica il sistema di procedura di valutazione ed accettazione dei contributi sulla base di una lista di revisori (referees) composta da studiosi appartenenti alle varie aree tematiche (peer review).

Anche questa iniziativa dell’Officina di Studi Medievali, come le tante altre realizzate in decenni di attività, offre e chiede la collaborazione di tutti. Nella convinzione, ormai matura e comprovata, che solo il confronto libero ed aperto delle opinioni, la cooperazione convinta e senza pregiudizi, costruiscono vero avanzamento del sapere, segnano nuovi e proficui risultati nella ricerca, aprono ad innovativi arricchimenti dei contenuti formativi e della didattica.

 

Ed è con questo spirito che auguriamo, a voi ed a noi, buona navigazione!

 

La Redazione


 

Direttore
Giuseppe Allegro

Vice-direttore
Armando Bisanti

Redazione
Armando Bisanti, Alberto Musco, Giuliana Musotto, Valerio Napoli, Pietro Palmeri

Segreteria di redazione
Giuliana Musotto

Gestione del sito
Alberto Musco

Comitato scientifico
Maria Barbanti (Filosofia Antica, Univ. di Catania)

Luigi Borriello (Mistica, Pontificia Facoltà Teologica Teresianum, Roma)
Olivier Boulnois (Filosofia Medievale, EPHE, Paris)
Filippo Burgarella (Storia Bizantina, Univ. della Calabria)
Antonino Buttitta (Antropologia Culturale, Univ. di Palermo)
Alvaro Cacciotti (Francescanesimo, Pontificia Università Antonianum, Roma)
Paolo Emilio Carapezza (Storia della Musica, Univ. di Palermo)
Paola Chiesa (Letteratura Latina Medievale, Univ. Statale di Milano)
Marta Cristiani (Storia della Filosofia, Univ. di Roma Tor Vergata)
Edoardo D’Angelo (Letteratura Latina Medievale, Univ. Suor Orsola Benincasa, Napoli)
Federico Doglio (Presidente del Centro Studi sul Teatro Medioevale e Rinascimentale),
Fernando Domínguez Reboiras (Filosofia Medievale, Madrid)
Walter A. Euler (Institut für Cusanus-Forschung, Trier)
Salvatore Fodale (Storia Medievale, Univ. di Palermo)
Roberto Lambertini (Storia Medievale, Univ. di Macerata)
Angela Longo (Filosofia Antica, Univ. dell'Aquila)
José Martínez Gásquez (Filologia Classica e Medievale, Univ. Autònoma de Barcelona-UAB)
Grazia Marchianò (Presidente della Associazione Internazionale di Ricerca Elémire Zolla - AIREZ, Montepulciano)
Concetto Martello (Filosofia Medievale, Univ. di Catania)
Constant J. Mews (Filosofia e Teologia Medievale, Monash Univ., Victoria)
Stéphane Oppes (Filosofia e Teologia Francescana, Pontificia Università Antonianum, Roma)
Luca Parisoli (Filosofia Medievale, Univ. della Calabria)
Massimo Parodi (Filosofia Medievale-Informatica Umanistica, Univ. di Milano)
Gregorio Piaia (Storia della Filosofia, Univ. di Padova)
Stefano Piano (Indologia e Storia delle Religioni-Area Asiatica, Univ. di Torino)
Dominique Poirel (Filologia, Storia Religiosa, IRHT, Paris)
Giuseppe Roma (Archeologia cristiana, Univ. della Calabria)
Andrea Romano (Storia delle Istituzioni, Univ. di Messina)
Salvador Rus Rufino (Filosofia della Politica ed Economia, Univ. di León)
Giulia Sfameni Gasparro (Storia delle Religioni, Univ. di Messina)
Vito Sivo (Letteratura Latina Medievale, Univ. di Foggia)
Christian Trottmann (Filosofia, CNRS, Tours)
Timothy Verdon (Storia dell'Arte Medievale, Stanford University - Facoltà Teologica dell'Italia Centrale)
Pere Villalba i Varneda (Filologia Classica e Medievale, Emerito dell'Univ. Autònoma de Barcelona, Doctor Honoris Causain Filosofia, Univ. di Palermo)
Oleg Voskoboynikov (Antropologia Medievale, Scuola di Alti Studi in Scienze Economiche - Mosca)
Boghos Levon Zekiyan (Armenistica, Univ. Ca' Foscari, Venezia)
Agostino Ziino (Musica Antica e Medievale, Univ. di Roma Tor Vergata)

La rivista viene messa on line in un fascicolo annuale, a giugno

ISSN: 1970-1950
Autorizzazione Tribunale di Palermo n. 17 del 20/06/2005
Iscrizione U.S.P.I. n. 1503 (2006)

© 2006 - Officina di Studi Medievali


L'Officina è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n. 582 del 29/08/2001
Anno di fondazione: 1980 - Associazione Culturale no-profit costituita con atto notarile del 14/01/1980 (Repertorio n. 189790 – Raccolta n. 14498). Dal 1999 è anche Casa Editrice regolarmente iscritta al C.C.I.A.A. di Palermo dal 22/09/1999 con il n. 216587, al Tribunale di Palermo dal 25/02/1982 con il n. 09/82, al Registro Nazionale della Stampa e dell’Editoria dal 29/05/1985 con il n. 1583 (Vol. 16 – Fol. 657), al Registro degli Operatori di Comunicazione (R.O.C.) dal 29/08/2001 con il n. 582; ed allo Schedario dell’Anagrafe Nazionale delle Ricerche dal 10/02/2010 con il n. 59959SNJ.

Come citare «Mediaeval Sophia»

Autore, Titolo, in «Mediaeval Sophia», numero (anno), URL (data dell’accesso effettuato)

Esempio:
Giuliana Musotto, Il peccato nel Medioevo latino. Le Quaestiones disputatae De traductione humanae naturae a primo parente di Nicola di Ockham, in «Mediaeval Sophia» 1 (2007), pp. 56-68.
http://www.mediaevalsophia.net/studia/Musotto_PeccatoOriginale.pdf (data dell’accesso: 10 agosto 2007).