Alberto Bellavia, Biblioteca Lucchesiana di Agrigento: rimpianti e prospettive. Manus Online per la tutela e la valorizzazione del patrimonio

Il presente lavoro propone un censimento dei manoscritti medievali conservati presso la Biblioteca Lucchesiana di Agrigento (fondata nel 1765). Il patrimonio in possesso dell’ente non risulta ancora schedato secondo le procedure più moderne utilizzate in altre istituzioni. Il progetto vuole rappresentare un ideale punto di inizio per una futura e sistematica opera di censimento e catalogazione dei manoscritti lucchesiani. A tal fine si è scelto di procedere sulla base del software Manus Online (MOL), il quale prevede l’elaborazione dei dati attaverso una serie di schede dettagliate divise per “Descrizione esterna”, “Descrizione interna” e “Bibliografia”. Questa struttura consente il rilevamento scientifico dei dati codicologici riguardanti il manoscritto sia come prodotto di un lavoro artigianale, sia come veicolo di una tradizione letteraria. A corredo della parte tecnica, viene proposta anche una ricostruzione della storia dell’istituto di conservazione e dei suoi fondi.

Parole chiave: censimento dei manoscritti, scheda catalografica, Manus OnLine, Biblioteca Lucchesiana, descrizione codicologica

 

Alberto Bellavia (Palermo, 1983) ha svolto studi umanistici. Nel 2006 ha conseguito a Palermo la laurea triennale in “Giornalismo per Uffici stampa”. Nel 2008, trasferitosi a Siena, ha completato il corso di laurea specialistica in “Competenze testuali per l’editoria e i media” discutendo una tesi in Filologia Italiana. Nel 2012 ha iniziato, presso l’Officina di Studi Medievali di Palermo, il master FSE di II livello in “Libro, documento e patrimonio antropologico. Conservazione, catalogazione, fruizione”, il cui diploma è stato conseguito il 13 settembre 2013. Il 19 novembre ha intrapreso la “Scuola d’Archivistica, Paleografia e Diplomatica” presso l’Archivio di Stato di Palermo. Collabora con la biblioteca dell’Ente Parco Archeologico e Paesaggistico “Valle dei Templi” di Agrigento.

}); })(jQuery);