Valeria Mercurio, La “legatura di Isacco” nella Guida dei perplessi di Maimonide

 

Il “Sacrificio di Isacco” o, più correttamente, Hakedah Izhaaq (Legatura di Isacco) si configura all’interno della Guida dei Perplessi da un lato come immagine esemplificativa e punto di partenza per l’approfondimento di alcuni concetti del pensiero maimonideo da essa richiamati, dall’altro si mostra come un episodio la cui complessità è comprensibile solo se si padroneggiano già i suddetti concetti. Seguendo le indicazioni interpretative che Maimonide stesso suggerisce al lettore della Guida si tenta in questa sede di dipingere un quadro sufficientemente chiaro dell’episodio di Genesi 22 secondo la prospettiva esegetico-filosofica maimonidea. L’analisi proposta si snoda a partire dalle indicazioni suggerite all’interno del XXIV capitolo della terza parte della Guida: l’episodio in questione ci permetterebbe in primo luogo di comprendere i limiti (qualora fossero presenti) dell’amore e del timore verso Dio, in secondo luogo attribuirebbe piena legittimità alla profezia.

Parole chiave. Isacco, Abramo, Maimonide, Torah, profeti

Valeria Mercurio ha conseguito la laurea specialistica in Filosofia e Storia delle Idee presso l'Università degli Studi di Palermo. Ha svolto il Servizio Civile presso l’Osservatorio astronomico di Palermo (anno 2010/11). Nel 2011 ha frequentato il master di II livello Libro, documento, patrimonio antropologico. Conservazione, catalogazione, fruizione, organizzato dall'Officina di Studi Medievali con patner l’Università degli Studi di Palermo. Ha svolto le sessioni in seno al master sopra citato presso la biblioteca dell’Officina di Studi Medievali e la biblioteca del Seminario arcivescovile di Monreale.

}); })(jQuery);