Giorgio Di Maria, Tanta/Δέδωκεν. Quando la retorica assume forma e vigore di legge

 

In riguardo alla genesi delle costituzioni Tanta e Δέδωκεν di Giustiniano (a. 533), prefatorie ai Digesta, l’autore si sofferma sulla retorica della traduzione indagandone le modalità e gli intendimenti, basandosi soprattutto sul § 21 prescelto come campione significativo. Oltre alla conferma che Δέδωκεν costituisca il testo-fonte e Tanta il testo-versione, si avvalora il convincimento che Triboniano sia l’autore della versione/revisione, mentre Δέδωκεν dovrebbe rappresentare soprattutto un prodotto degli adiutores che stavano a disposizione del magister sacri palatii.

 

Parole chiave. Tanta, Δέδωκεν, traduzione, retorica, Triboniano, Giustiniano.

Giorgio Di Maria è professore associato di Filologia classica presso l’Università di Palermo. È stato ricercatore a contratto (Fellow) presso l’Università di Lovanio (Katholieke Universiteit Leuven, Belgio). Si occupa soprattutto di questioni filologiche e di ecdotica di testi tecnici, scientifici e retorici, sia greci che latini. Prepara attualmente l’edizione di Boezio, Commentarii in Topica Ciceronis. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

}); })(jQuery);