Barbara Visentin, Identità etniche e identità locali nel Mezzogiorno Medievale. La nuova Capua

 

È un processo articolato e singolare quello che segna la nascita della nuova Capua, legato alla frantumazione dei poteri istituzionali, è artefice di una società creativa, vigorosa e originale, capace di appropriarsi dell’identità antica, di metabolizzarla e di svilupparne una propria, in costante trasformazione. I longobardi di Capua diventano i Capuanites, espressione di un lungo processo, ormai compiuto, di regionalizzazione dell’identità, esempio emblematico di cosa significhi, nelle terre longobarde del sud, la dinamica etnica di una famiglia e, con essa, la dinamica insediativa di una città. La storia di Capua si intreccia in questi anni a quella dei Bizantini di Napoli, dei Franchi di Spoleto e dei pontefici romani, lasciando intravedere da parte dei Capuani una coscienza ben definita della propria identità civica. In questo generale processo di svolgimento delle strutture politiche, il quadro delle terre capuane risulta arricchito dall’arrivo dei Normanni. Le ambizioni di autogoverno dei Capuani si infrangono, ma Capua sopravvive alla sua gens.

Parole chiave: Identità, Medioevo, Mezzogiorno, Città.

Barbara Visentin (Salerno 1972) è borsista di ricerca presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” per un progetto che prevede il censimento delle dipendenze della SS. Trinità di Cava dei Tirreni nel corso del Medioevo. I suoi interessi prevalenti riguardano le strutture produttive e la tipologie insediative del Meridione in età longobarda; le evoluzioni della forma urbis delle città meridionali tra età tardo-antica e Medioevo; il ruolo degli insediamenti monastici nell’età di transizione tra longobardi e normanni. Ha preso parte a numerose campagne di scavo archeologico e ha pubblicato diversi articoli su riviste specializzate circa le dinamiche insediative rurali e urbane dell’Italia meridionale longobarda e normanna, le espressioni materiali della cultura politica longobarda, l’identità etnica e la coscienza civica nel Mezzogiorno alto-medievale.

 

}); })(jQuery);