Daniele Iozzia, Osservazioni sulla traduzione eriugeniana del trattato Περὶ κατασκευής ἀνθρώπου di Gregorio di Nissa

Dall’analisi di due passi della traduzione ad opera di Giovanni Scoto Eriugena del Trattato sulla costituzione dell’uomo di Gregorio di Nissa (capp. XXI e XXIV) è possibile individuare alcuni caratteri del procedimento traduttivo eriugeniano. Sebbene traduca a volte in maniera meccanica, l’Eriugena dimostra acutezza nell’interpretare in maniera filosoficamente coerente alcune corruttele del testo greco di cui disponeva.

Parole chiave: Eriugena, Gregorio di Nissa, traduzione, male, materia, ousia, neoplatonismo.

Daniele Iozzia è ricercatore di Storia della filosofia antica presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli studi di Catania. È autore, oltre che di diversi saggi sul neoplatonismo pagano e cristiano, del volume Filosofia emendata. Elementi connessi col Neoplatonismo nell’esegesi esamerale di Gregorio di Nissa, Acireale-Roma 2006, e ha curato la traduzione con commento dei trattati di Plotino Sulla provvidenza (Roma 2009).

}); })(jQuery);