Elena Scrima, La biblioteca dei Cappuccini di Francavilla di Sicilia alla fine del XVI secolo: libri e letture tra proibizioni e prescrizioni

Nel 1598 la Congregazione dell’Indice promosse la nota inchiesta volta a verificare l’allineamento delle biblioteche claustrali italiane ai dettami e agli indirizzi della Chiesa controriformista. Anche la modesta raccolta libraria dei Cappuccini di Francavilla di Sicilia fu oggetto di quella capillare iniziativa censoria. Quali letture animavano le giornate dei frati di un convento di provincia? La “libraria”, accanto a testi ortodossi, nascondeva edizioni proibite, suspecte o expurgande? Muovendo da questi interrogativi e avvalendosi degli strumenti della ricerca bibliografica e dell’indagine bibliologica degli esemplari sopravvissuti, il contributo vuol ricostruire la fisionomia di una biblioteca francescana di fine ‘500.

Parole chiave: Inchiesta della Congregazione dell’Indice, biblioteca cappuccina, censura libraria.

Elena Scrima si è laureata in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Messina. Ha conseguito il diploma di Bibliotecario alla Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari dell’Università di Roma “La Sapienza”. Attualmente è funzionaria presso la Biblioteca della Facoltà di Lettere e Filosofia di Messina. Il suo interesse si rivolge alla storia delle biblioteche francescane di area siciliana e allo studio della produzione messinese del XVIII secolo.

}); })(jQuery);